Ipovisione

Essa è:

  • Vedere il viso di una persona e non coglierne i particolari
  • Avvicinarsi molto per vedere meglio
  • Ascoltare la TV, ma non riuscire a vederla
  • Non riuscire ad attraversare la strada
  • Leggere solo i titoli dei giornali e dei libri

È quindi quella condizione visiva tra la “normovisione” e la “non visione”, che comporta una perdita delle normali capacità visive e\o con una riduzione del campo visivo, pur con la conservazione di una visione residua. Le principali cause di ipovisione sono patologie come maculopatie, retinopatie, glaucoma e cataratta. Se è vero che non è possibile restituire al paziente ipovedente la vista perduta, è altrettanto vero che si possono aiutare queste persone a condurre una vita quanto più normale possibile utilizzando al meglio il loro residuo visivo, attraverso l’uso di ausili ottici ed elettronici ingrandenti. L’uso dei normali occhiali ha lo scopo di portare le immagini a fuoco sulla retina, ma negli ipovedenti è necessario ingrandire ulteriormente queste immagini per sfruttare al meglio il residuo visivo e le zone sane della retina. Questo ingrandimento viene ottenuto attraverso l’uso degli ausili ottici ed elettronici che potete trovare presso i nostri centri ottici.

I nostri centri ottici collaborano con il Network Vista Fragile

Partner Principali